digital / open / ready / digital / open / ready / digital / open / ready / digital / open / ready / digital / open / ready / digital / open / ready
5 minuti
30 Maggio 2023
5 minuti
30 Maggio 2023

Giocare, immaginare, progettare: scegli Dixit per i tuoi workshop!

Nadia Caretti

IN BREVE

Gioco bellissimo per tutta la famiglia. Strumento utilizzato in psicoterapia.Fonte di ispirazione per laboratori di narrazione e micro-storytelling. E arma segreta da utilizzare nei workshop! Stiamo parlando di Dixit, un gioco incredibile che potrà farti scoprire tanto di te e degli altri.

Condividi su:

Gioco bellissimo per tutta la famiglia. Strumento utilizzato in psicoterapia. Arma segreta per entrare in relazione con bambini e adolescenti. Fonte di ispirazione per laboratori di narrazione e micro-storytelling.

Stiamo parlando di Dixit, gioco pubblicato nel 2008 in Francia da Libellud e diffuso ormai in quasi tutto il mondo.

Che cos’è Dixit?

Dixit è un gioco da tavolo che può coinvolgere fino a 8 giocatori.
Si utilizzano delle carte illustrate, un tabellone e dei simpatici coniglietti colorati. Ad ogni turno uno dei partecipanti diventa narratore e, guardando le carte che ha in mano, propone una parola, una frase o una citazione. Gli altri devono scegliere fra le loro carte, quella con l’immagine più adatta a rappresentare il concetto espresso. Una volta che tutte le carte sono sul tavolo, compresa quella del narratore, le si scopre per la votazione: fa più punti chi riesce a indovinare la carta del narratore o chi ottiene più voti.

Grazie alla semplicità di utilizzo e alla suggestiva bellezza delle illustrazioni, il gioco ha riscosso in breve un notevole successo, vincendo nel 2010 il premio Spiel des Jahres, uno dei più importanti riconoscimenti per giochi da tavolo a livello mondiale. 

L’utilizzo di Dixit in psicoterapia

Le carte, che sono il fulcro del gioco, sono mini opere d’arte, capaci di evocare tematiche connesse agli archetipi dell’inconscio collettivo. Per questo Dixit è utilizzato anche da psicoterapeuti e facilitatori, per lavorare con un’utenza reticente o difficile da agganciare o in ambiti in cui, anche a causa di bias o imbarazzo nel gruppo, le parole possono non essere abbastanza.

Le potenzialità legate all’utilizzo di Dixit in modalità diverse da quella prettamente ludica sono moltissime.

Ideato da Jean-Louis Roubira, psicologo infantile (non a caso!), si racconta tragga ispirazione proprio da un metodo utilizzato dallo stesso Roubira nelle sedute di psicoterapia con i suoi piccoli pazienti, ai quali sottoponeva ritagli di immagini evocative dei temi presenti nelle fiabe di Charles Perrault per indagarne e valutarne in modo più coinvolgente i vissuti

È infatti proprio l’ambito psicoterapeutico quello in cui lo “strumento” Dixit è più impiegato: le immagini raffigurate sulle carte, grazie ad una potenza evocativa che richiama archetipi e simboli profondamente radicati in noi, sono utilizzabili in terapia per affrontare in maniera indiretta argomenti troppo complessi e problematici per poter essere approcciati frontalmente. Così come Marie Cardouat (autrice della versione base e della prima espansione), che si è ispirata alle opere dei maestri dell’arte e della letteratura, anche gli illustratori e le illustratrici incaricati delle successive espansioni (ad oggi se ne contano ben dieci) hanno tradotto il proprio background e i propri riferimenti artistici in carte che, per quanto differenti (in stile Pixar, ispirate a Surrealismo e Art Deco, che riprendono fiabe celebri…), possiedono la stessa densità semantica e la stessa capacità di agganciarsi a suggestioni affondate nell’inconscio. Utilizzarle si rivela quindi molto interessante nei casi in cui, in terapia, sia abbia a che fare con un’utenza particolarmente difficile da agganciare o che fatica a verbalizzare i propri vissuti e, per i facilitatori, in ambiti in cui, anche a causa di bias o imbarazzo nel gruppo, le parole possono non essere abbastanza.

A cosa può servire utilizzare Dixit in contesti di workshop?

Come capirai in un attimo se avrai modo di giocarvi, Dixit permette di costruire associazioni (o vere e proprie storie) che raccontano inevitabilmente moltissimo del narratore di turno, sia esso bimba, anziano o marketing manager, e aprono naturalmente spiragli su un mondo interiore di aspettative, desideri e riferimenti che risultano molto affascinanti quando si gioca intorno ad un tavolo e che un facilitatore esperto può tradurre in azioni e spunti utili per indirizzare uno specifico percorso.

La spontaneità del gioco, che ricorda le dinamiche che abbiamo già affrontato qui, quando abbiamo raccontato dei nostri workshop basati sul Design Thinking, consente di creare uno spazio “neutro” in cui ogni interpretazione è legittima, non esiste giudizio né rischio di sentirsi inadeguati. Per questa ragione anche ambiti che esulano dalla psicoterapia, ma in cui è forte la necessità di liberarsi di un certo mindset per poter approcciare la realtà con occhi freschi e stimolare creatività e pensiero laterale, hanno mutuato questo strumento

La forza evocativa delle carte viene utilizzata nei workshop in una precisa prospettiva: quella di suscitare delle emozioni inconsce e di creare nuovi significati, attraverso i quali rileggere scenari e situazioni passati, presenti e futuri.

Alcuni esempi dell’utilizzo di Dixit in ambito aziendale

Innovation Lab, società di consulenza che si occupa di facilitare il percorso di innovazione aziendale, ha organizzato lo scorso febbraio un training per facilitatori basato sulle carte Dixit e sul come utilizzarle per “estrarre contenuti in modo meno “scontato e razionale””; su Re.imaginary, portale finanziato da Horizon 2020 in cui si esplora come i metodi creativi possano sostenere un cambiamento sociale profondo, Dixit è indicato come strumento per aiutare i partecipanti ad un workshop, ad un brainstorming o ad un meeting a elaborare una restituzione sincera, creativa e informaleCorrado De Sanctis, Agile Coach presso il Gruppo Lloyds Banking Group, descrive nel suo articolo How Dixit cards may help your teams come si possa utilizzare Dixit per includere nel team un nuovo arrivato, superando le rigidità e i formalismi che spesso un nuovo inserimento può implicare.

Dulcis in fundo, Gloria Puppi, consulente esperta in Future Studies e strategy manager di Marcopolo, le utilizza come jolly per rompere il ghiaccio in un gruppo di facilitazione, e come strumento per il lavorare sul metodo di futuro del Three Horizons Framework di Bill Sharpe. Ai partecipanti si chiede di scegliere tra un range di carte pre-determinate quelle più affini alle emozioni e sensazioni suscitate dal tema scelto (cambio organizzativo, progettazione nuove strategie di un determinato settore, creazione di nuovi processi, analisi del team building ecc.) poi applicate nei tre diversi orizzonti temporali dell’esercizio di futuro (presente, futuro lontano e futuro vicino). Ogni orizzonte quindi avrà sia dei post-it, sia delle immagini di Dixit che esprimeranno lo status quo, lo stato futuro e le azioni strategiche da intraprendere per realizzare lo scenario desiderato.

Testa la vastità della tua immaginazione!

Esiste una versione stampabile del gioco, una sorta di “demo” che Asmodee, il distributore italiano, mette a disposizione di chi ancora non è sicuro di comprare. Se sei arrivato a leggere fino a qui, dubito fortemente che tu possa nutrire ancora dubbi sul fatto che acquistare Dixit sia un ottimo investimento. Ad ogni modo, a scanso di equivoci, ecco qui il link. 

Scarica, acquista e, soprattutto, gioca. Con tante persone, di età, background e formazione differenti. Noi, così per dire, facciamo pausa dalle 13 alle 14 e siamo in Toolbox, al primo piano. Se ti va una partita facci sapere!

Inoltre siamo a disposizione per analizzare insieme a te le tue esigenze e impostare il Dixit-Workshop più adatto alla tua azienda!

Nadia Caretti
Business Relationships Developer

CREDITS:

Barone M., Lanza A., Cupini A., Damicis M., Marroni F., Massimi S., L’oggetto Dixit nella pratica clinica: uno strumento analogico al servizio della co-costruzione in Eco Mente, Vol. 42, N. 2 Luglio-Dicembre 2019, (pp.172-215), doi 10.1712/3308.32786, consultato novembre 2022;

Cassi, Elisa Carte Dixit in Psicoterapia, elisacassi.it, consultato novembre 2022;

Cobianchi, Roberto, 09 settembre 2019, Carte DIXIT per riattivare la mente, Mimulus.it, consultato novembre 2022;

De Sanctis, Corrado, 17 febbraio 2021, How Dixit cards may help your teams, consultato novembre 2022; 

Gamba, Emanuela, 13 settembre 2021, Le Carte Dixit – L’Uso in Psicoterapia, ilsigarodifreud.com, consultato novembre 2022;

Roberti, Matteo, 15 Dicembre 2016, Dixit, il gioco del paradosso infernale, 180gradi.org, consultato novembre 2022;

Ronchi, Federica, 07 maggio 2020, Come utilizzo le carte Dixit nel lavoro con gli adolescenti, percorsidigestalt.it  consultato novembre 2022;

La costruzione di una fiaba attraverso le carte Dixit, 23 febbraio 2021, centroperlafamigliainsieme.it, consultato novembre 2022;

Urban, Tommaso, 9 gennaio 2022, La guida completa a Dixit le versioni differenti le espansioni e i giochi simili, seriamentenerd.it , consultato novembre 2022;

Psicoludìa , consultato novembre 2022;

Online Harvest with Dixit Cards, Reimaginary.com, consultato novembre 2022;

Condividi su:

UNISCITI AL VIAGGIO

Le nuove opportunità nascono solo muovendosi e noi,
modestamente, siamo degli esperti. Resta aggiornato
e ricevi una notifica a ogni nuova tappa!

Altri articoli